#6 Le mie estati a un passo dal cielo

12:41:00

Siete mai stati in montagna d’estate?
Io sì e posso assicurarvi che può regalare emozioni davvero uniche.

In questa sesta intervista faccio una chiacchierata con una persona speciale che ci porta, attraverso fotografie bellissime e tanti consigli, nei luoghi magici della Val Pusteria, nel cuore delle Dolomiti.

Se San Candido e questi magici posti li avete visti unicamente su Rai Uno nella fiction Un passo dal cielo, sono sicura che leggere questo post vi piacerà ancora di più! ( scoprite tutto leggendo…).


Ciao Elena, ci racconti com’è nata la tua passione per la montagna d’estate ed in particolare per le Dolomiti?
Fin da ragazzina ho frequentato la montagna d’estate, mi piace moltissimo camminare e farlo in luoghi bellissimi come le Dolomiti mi dà sensazioni entusiasmanti.

Quali sono le mete principali della tua vacanza?

La Val Pusteria ed in particolare San Candido.



Quali sono secondo te i pregi che una vacanza di questo tipo può regalare?
La montagna è una vacanza completa perché accanto alle passeggiate nella natura si possono fare tantissime altre attività, sportive e non. Mi piace svegliarmi presto, fare un’abbondante colazione e partire per lunghe camminate, assaporare la natura, l’aria frizzantina, fotografare i fiori e avere la soddisfazione di raggiungere le mete prefissate la sera prima. Non c’è niente di meglio che, dopo tanti chilometri, raggiungere il rifugio in cima alla montagna, gustare un piatto tipico del luogo, prendere il sole e ripartire di nuovo per la vallata.

Non dimenticatevi di portare con voi “il passaporto delle Dolomiti” e chi è appassionato di montagna sa a che cosa mi riferisco!;)



So che sei una grande camminatrice, quali percorsi consigli per i camminatori principianti e quali per quelli più esperti in Val Pusteria?

Per i principianti consiglio il percorso del Baranci: si può raggiungere con la seggiovia il rifugio ed è possibile scendere a piedi oppure con il funbob, un bob sulle rotaie sul prato. Divertentissimo!


Un'altra per i principianti: la Val Fiscalina fino al Rifugio Fondo Valle, dove si gusta un’ottima braciola fritta. È una passeggiata di un’ paio di ore in un bosco che sembra uscito da una fiaba incantata.

Una passeggiata bellissima ma molto impegnativa, da fare dopo qualche giorno di allenamento, è dal Lago di Anterselva al Passo Stallen. Si comincia costeggiando il Lago, per poi salire lungo il bosco: affascinante.


Per finire consiglio il percorso delle Tre Cime di Lavaredo. Sono considerate le meraviglie naturali più note nel mondo dell’alpinismo. È un’escursione di circa quattro ore che porta a più di 2000 metri di altezza. (Per chi ha le vertigini consiglio di affrontare l’escursione dall’anello basso.)

Che tipo di abbigliamento è necessario? E cosa è indispensabile portare in valigia?
Un abbigliamento comodo, tecnico e che mantenga fresco il corpo. L’ideale per me: canottiera, camicetta aperta, pantaloncini corti, calzettoni e pedule. Indispensabile nello zaino: la borraccia, la mantella antipioggia, perché in montagna il tempo può cambiare in un secondo, la crema protettiva e perché no un mazzo di carte.

La sera le temperature ovviamente si abbassano, quindi, indispensabile un golf oppure una felpa e i pantaloni lunghi.


So che sei una grande appassionata della fiction di rai uno "Un passo dal cielo", registrata proprio nei luoghi che te ami . se chi , come te, volesse ripercorrere i luoghi del set, dove dovrebbe andare?
Prima di tutto il Lago di Braies, dove vive, nella fiction, il protagonista Pietro e dove c’è il Commissariato. I Bagni di San Candido e naturalmente il paese di San Candido. Per vedere la prima casa di Assunta (Katia Ricciarelli) si deve andare a Prati Piazza, dove consiglio di fare una bellissima passeggiata. Il Bar in piazza di San Candido, dove lavorava Giorgio, è realmente quello usato durante la fiction ed anche il pub dove lavorava Miriam è vicino ai campi da tennis di San Candido.
A settembre sono riuscita a scovare il set ai Bagni di San Candido, è stata esperienza fantastica, grazie anche all’aiuto di Roccia che mi ha dato le dritte giuste per raggiungere il set!

Hai incontrato anche i protagonisti della fiction? Sono stati gentili ?
Sì, sono stati disponibilissimi e gentilissimi. In particolare il Commissario, Huber e Roccia. Peccato non sono riuscita ad avvicinare Pietro. Questa è la seconda volta che ho scovato il set. La prima volta ho visto girare la sigla sul Lago di Braiess. Quando sono tornata, a giugno, al Lago ho incontrato molti fans di Un passo e tutti ci siamo chiesti “ ci sarà la quarta serie?”.




Tre aggettivi per descrivere la Val Pusteria.

Colorata, rilassante, mitica.


Grazie mamma!

Se volete anche voi raccontarmi un vostro viaggio o esperienza all’estero o saperne di più di “Intervistando i Viaggiatori”: cliccate qui o scrivetemi in posta.

Se volete leggere altre Interviste:

Se volete rimanere sempre aggiornati sul mio blog, potete farlo seguendomi su:
Instagram: unapennainviaggio



You Might Also Like

2 commenti

  1. This website was... how do I say it? Relevant!!
    Finally I've found something which helped me. Thanks a lot!


    Also visit my webpage football

    RispondiElimina
  2. Che emozione leggere delle mie montagne.

    RispondiElimina

Grazie della tua visita,

Se vuoi lascia un commento qui sotto:)