Come arrivare alle Terme di Bagni San Filippo, cosa fare e dove mangiare.

13:04:00

A sole due ore da Firenze, in piena Val d’Orcia alle pendici del Monte Amiata in provincia di Siena, tra paesaggi brulli e suggestivi, sorgono le Terme libere San Filippo nella località Bagni San Filippo.
Sì, avete letto bene. 
Le Terme San Filippo sono gratuite, all’aperto e totalmente libere.
In questo post andiamo alla scoperta delle Terme San Filippo e di tutte le informazioni necessarie per godere al 100% di questa esperienza.

Terme libere San Filippo, Toscana

Un modo per stare a contatto con la natura senza spendere un euro.
E poi diciamocelo, che cosa c’è di meglio di qualche ora di totale relax sotto le acque bollenti di una cascata naturale?

Dove si trovano le Terme libere San Filippo?


Le Terme San Filippo si trovano nella località Bagni San Filippo, in Val d’Orcia a circa 2 ore di auto da Firenze, 1 ora e 10 minuti da Siena e circa 30 minuti da Pienza. 
Nella località di Bagni San Filippo è possibile usufruire sia delle terme libere, sia delle terme all’interno dell’Hotel Terme San Filippo.  Questo complesso termale comprende, oltre all’hotel, un centro benessere, un centro termale ed una piscina naturale. Il tutto all’interno del parco in cui sorgono le acque termali della zona.

Strada terme libere san filippo siena

Come arrivare alle Terme di Bagni San Filippo

Per arrivare alle Terme libere San Filippo da Firenze prendete l'Autostrada Firenze-Roma ed uscite a Chiusi Chianciano fino a Bagni di San Filippo, poco dopo Chianciano Terme. Una volta arrivati alla località Bagni di San Filippo, seguite le indicazioni per le terme libere e parcheggiate subito l’auto. 
Il parcheggio è a pagamento: 1,70 euro per 1 ora, 5 euro per 3 ore, 10 euro per tutta la giornata.
Seguite il sentiero segnalato e raggiungete il torrente Fosso Bianco. 
Non fermatevi subito, proseguite per qualche minuto in mezzo al bosco lungo il torrente, sul sentiero battuto, fino ad arrivare alla famosa Balena Bianca e godere così dell’acqua più calda di queste terme naturali.

Le Terme libere di Bagni San Filippo

La particolarità di queste terme naturali è il contesto in cui nascono. Siamo in piena Val d’Orcia ed in particolare all’interno di un rigoglioso bosco vicinissimo al paese Bagni San Filippo. La zona, fin dall’antichità, è sempre stata nota per le sue acque termali che nel tempo hanno creato scenografiche formazioni calcaree, cascate e numerose vasche calde dove è possibile immergersi. Essendo un luogo ancora poco conosciuto, ha mantenuto il suo aspetto originario. 
Poter godere del potere rigenerativo di queste acque termali all’interno di un contesto così suggestivo e naturale è davvero un privilegio.

Torrente Fosso Bianco Terme San Filippo


Una volta entrati nell’area delle terme libere San Filippo, incontrerete le prime vasche naturali in cui è già possibile immergersi. 
L’acqua di queste vasche non è eccessivamente calda perché incontra anche le acque del torrente Fosso Bianco che qui scorre, perciò ve le sconsiglio se visitate le terme durante l’inverno. 
Proseguendo invece lungo il sentiero del bosco che costeggia il torrente, troverete la vera regina delle Terme San Filippo: la Balena Bianca. 

La Balena Bianca delle Terme San Filippo

Balena Bianca Bagni di San Filippo

terme libere san filippo in toscana

La Balena Bianca è un immenso blocco di calcare bianco brillante che si è formato nel tempo grazie ai numerosi sedimenti delle acque termali bollenti. Ed è proprio da questo enorme monolite a forma di balena che scorrono implacabili le acque termali. La conformazione della Balena Bianca, fa sì che le acque scorrano come una potente cascata di acqua caldissima, ideale per un bagno nei mesi più freddi dell’anno.
Con attenzione, è possibile arrampicarsi sulla Balena Bianca e raggiungere la parte della cascata in cui l’acqua scorre in modo più prepotente. 
Più in alto salirete e più l’acqua sarà calda.
Se non siete così avventurosi, niente paura, ai piedi della Balena Bianca vi sono numerose piscine naturali dove rilassarsi e godere del paesaggio ultra distensivo.

Il contrasto del bianco brillante della Balena Bianca con quello mutevole del bosco circostante crea un effetto visivo disarmante; immaginatevi poi il rumore dell’acqua che scorre, l’aria fresca che vi accarezza il viso… lo stress sarà un lontano ricordo!

Le proprietà terapeutiche dell’acqua delle Terme libere San Filippo

Una volta immersi, specialmente se sarete saliti sulla “Balena Bianca”, noterete la particolare consistenza del terreno e della friabilità della stessa. 
Quest’ultima, come abbiamo detto, è un grande blocco calcareo che, con lo scorrere dell’acque termali solfuree-solfate-bicarbonate ipertermali, rilascia preziosi fanghi che si depositano sul terreno e che possono essere utilizzati per trattamenti della pelle del viso e del corpo. 
Questi fanghi sono infatti perfetti per levigare la pelle e renderla morbida, proprio come in una sessione di fango-terapia.

Le acque termali delle terme San Filippo hanno proprietà analgesiche ed antinfiammatorie e vengono utilizzate per fini terapeutici fin dai tempi degli etruschi e dei romani.
Mentre vi rilassate potete dunque cospargervi dei fanghi bianchi naturali e la vostra pelle diventerà davvero morbida e levigata dopo pochi minuti.


Che cosa portare con voi alle terme libere

Le terme sorgono all’interno di un bosco, dunque, a parte dei bagni pubblici a qualche minuto di distanza, non vi sono spogliatoi nelle vicinanze.
Vi consiglio di portarvi un telo per il corpo e uno per i capelli. Se vi recate di inverno, infatti, sarà difficile che i capelli vi si asciughino in fretta; perciò un asciugamano dedicato solo ai capelli è fondamentale.
Portatevi delle scarpe comode, infradito ed ovviamente un ricambio intimo. 
Non dimenticate un sacchetto per mettere il costume ed il telo bagnato. 
Vi consiglio di portare anche una bottiglia d’acqua per pulirvi il viso una volta usciti dall’acqua. Noterete una leggera patina bianca che vi farà sembrare dei vampiri. 😅

Per chi soffre di pressione bassa, consiglio di portare un succo di frutta o un dolcino post-terme così da apportare un po’ di zuccheri all’organismo magari un po’ spossato.

Dove mangiare a Bagni San Filippo

Osteria Lo Spugnone Bagni San Filippo

Dopo ore dedicate al relax, che cosa c’è di meglio di un pranzo (o una cena) a base dei tipici prodotti toscani? A circa 10 minuti a piedi dalle terme libere di Bagni San Filippo, nell’omonimo paese, vi consiglio di fermarvi all’Osteria Lo Spugnone.
In un ambiente accogliente e familiare, la cucina propone piatti tipici della tradizione toscana davvero ottimi. 
Vi consiglio di assaggiare gli antipasti toscani ed i primi. Io ho mangiato i pici al ragù di salsiccia, erano divini!
La proposta è variegata, sono sicura che rimarrete ultra soddisfatti! : ) 

Dopo le terme, la gita prosegue


Cosa visitare in  Val d’Orcia, in Toscana

Dopo aver trascorso una mattinata all’insegna del relax nel bellissimo contesto delle terme naturali San Filippo, potete dare il via alla scoperta della zona circostante: la Val d’Orcia
Ricca di incantevoli borghi medievali e città d’arte, tra cui la deliziosa Pienza e San Quirico d’Orcia, la Val d'Orcia è famosa per i suoi paesaggi incredibilmente suggestivi e la sua tradizione enogastronomica.
Il mio consiglio è quello di visitare nel pomeriggio San Quirico d’Orcia, magari con una pausa gelato, e successivamente Pienza. Quest’ultima è caratterizzata di ottimi ristoranti e negozi dove comprare le specialità culinarie della zona, come il pecorino e vari salumi toscani.

Se decidete di dedicare un intero weekend ad esplorare questa magnifica zona, vi consiglio di visitare anche Siena

Spero che questo articolo vi sia utile per programmare una gita fuori porta in Toscana.
Io ho trascorso una bellissima giornata tra il relax delle terme, ottimi pici al ragù per pranzo (nell’Osteria che vi ho consigliato) e nel pomeriggio visita a San Quirico d’Orcia e la deliziosa Pienza. 

Se avete domande, come sempre scrivetemi mi fa super piacere poter essere utile :)

Per altri viaggi ed aggiornamenti, seguitemi su tutti i miei social: FACEBOOKTWITTER-INSTAGRAM- SNAPCHAT.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo con i tuoi amici!

A presto

Carlotta

You Might Also Like

0 commenti

Grazie della tua visita,

Se vuoi lascia un commento qui sotto:)