Ci sono post che non avrei mai pensato di scrivere.

18:30:00

Ci sono post che non avrei mai pensato di scrivere, questo è uno di quelli.

È difficile per me scrivere sul blog le mie emozioni e renderle pubbliche. Le emozioni vere. Quelle che di solito confidi ad un amico.

È difficile per me espormi. 

Vorrei che il mio blog fosse un luogo dove, non solo racconto le esperienze che faccio e i posti che visito, vorrei che fosse un luogo di incontro.
Mi piacerebbe avere quella confidenza con il lettore tale da non aver paura nel dirgli ciò che sento.

Eppure non ce la faccio. 

Ho sempre pensato che donare i propri pensieri sia un regalo grande da fare. E così come trovare una persona con cui confidarsi è immenso per me. 
È immenso ricevere, quanto dare.

Quindi, espormi con qualcuno che non mi conosce e che non conosco, cavolo se fa paura!

Eppure, ultimamente, io sento di voler dare di più.



Vorrei fare un saltino in più tale da scrivere un post come se stessi parlando ad un’amica.

Vorrei avere più confidenza e meno timore.

Riflettendoci ho capito che il motivo per cui sono ancora un po’ restia, per cui ancora sto un pochino sulle mie e non mi apro al cento per cento, è molto semplice e banale: non so chi mi legge. 
E questo mi fa paura.

A fine giornata, quando posso, leggo sempre il numero di lettori che è capitato su una penna in viaggio. E vedo, con tanta felicità, che è un bel numerino. E sono felice. 
Davvero felice.
Ma allo stesso tempo mi chiedo: ma chi mi avrà letto?
E soprattutto: conoscerò chi mi legge?
E questo mi blocca.

Mi blocco perché vorrei scrivere tanto di più, metterci il cuore, mettere me stessa.
Mi blocco perché sono insicura. 
Ohhhhhhh l’ho detto!

LA POSITIVITà:

un altro capitolo è la positività.

Adesso vi dirò una banalità incredibile, ma è una banalità che funziona.

Sorridere fa bene.
Banalisssssima, lo so.
Eppure sto scoprendo in questi giorni che mi fa bene.
Sto bene se sorrido.

Provate. Fate un sorriso scemo davanti allo schermo.
Dai, fatelo sul serio.

Se ora qualcuno mi dice “girati ti faccio una foto” e io, invece di ripropinargli il solito sorriso falso da foto-ricordo, sorrido veramente e dopo sto meglio!
Mi sento meglio!


Oltre a raccontarmi di più sul blog io vorrei davvero trasmettere sensazioni positive.
Lo so che è un desiderio utopistico, una missione quasi impossibile, ma mi piacerebbe tanto.
La mattina, appena alzata, apro facebook, e come una scema sto meglio se leggo frasi positive. Mi dà coraggio, mi dà grinta.

Vorrei tanto essere, in questo periodo, dell’umore giusto per dare forza al prossimo.
O per strappare anche un sorriso al mattino.
Eppure so che non riesco. Non ci provo nemmeno.  E mi riblocco.

E mi dispiace.

Probabilmente questo è un post inutile. Lo è.
Però per me riuscire a pubblicarlo è una conquista.

Lo pubblico?


Carlotta.

You Might Also Like

4 commenti

  1. Grazie!!! io di nuovo, in parte grazie a te, sono tornata a rincontrarmi col italiano, col mio italiano...
    Io ti continuare a leggere e a sorridere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Berta!
      Mi fa tanto piacere il tuo commento! Sei super carina!:)

      Elimina
  2. Ciao Carlotta! Hai fatto bene a pubblicare questo post! Sai che anche io adoro leggere frasi positive? E comunque l'immagine che hai inserito è troppo carina, quanto vera! Almeno, io la penso così ;) Mi piacerebbe parlare di più con te di questo argomento, siamo molto simili, sai? :) un abbraccio,...ed ora spulcio il tuo blog!

    Alessandra
    appuntidiconsapevolezza.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra, che bello il tuo commento! Mi fa tantissimo piacere leggerlo perchè è un post che significa molto per me. Grazie!
      Se vuoi parlare io sono qui!:)
      Un abbraccio,
      Carlotta

      Elimina

Grazie della tua visita,

Se vuoi lascia un commento qui sotto:)