5 cose da fare all'Isola d'Elba fuori stagione.

12:43:00

Hai mai pensato all'Isola d'Elba fuori stagione?

L'Isola d'Elba è una meta prettamente estiva: le spiagge meravigliose, il mare azzurro, i paesini animati da chiacchiere frivole e costumi da bagno, i gelati dopo cena, i locali alla moda ed il sole in faccia che ti abbraccia e ti ustiona un po'. Ma se vi dicessi che ci sono tantissime cose da fare all'Isola d'Elba fuori stagione?
L'affascinante isola toscana è perfetta per una fuga settembrina, autunnale o addirittura per Natale o Capodanno. Ed in questo post ve lo dimostro.

Perché partire per l'Elba fuori stagione?
  • i prezzi. Decisamente più bassi rispetto all'estate. Non mancano infatti le offerte e la possibilità di scegliere un alloggio magari troppo caro durante l'alta stagione.
  • la tranquillità: camminare sulla riva di una spiaggia deserta, mangiare del buon pesce in un ristorantino tranquillo, trovare parcheggio in uno dei paesini più ambiti durante le serate estive. Non è abbastanza?

Ecco a voi cinque cose da fare all'Elba fuori stagione


1) Salire sul Monte Capanne in cabinovia: in una giornata limpida, senza nuvole, non c'è niente di più bello che godersi una vista a trecentosessanta gradi dell'isola salendo sulla vetta più alta dell'Elba con la cabinovia.
Mettete da parte la vostra paura dell'altezza, concentratevi sullo spettacolo che si paleserà davanti ai vostri occhi: il mare, l'Arcipelago toscano, la Corsica e, perché no, l'infinito.
Il punto di partenza è Marciana, a pochi passi dal centro, la salita ha la durata di una ventina di minuti ed una volta in vetta c'è la possibilità di fare tappa in un piccolo rifugio con terrazza panoramica.

Io ho fatto un'esperienza simile a Gubbio: se volete potete leggerla qui.

2) Rilassarsi alle Terme di San Giovanni: un ottimo modo per trascorrere una giornata all'Elba, magari quando piove, è rifugiarsi in uno degli stabilimenti termali più suggestivi d' Italia.
Le Terme dell'Elba si trovano in località San Giovanni, appena fuori il capoluogo elbano e sono celebri per l'utilizzo di fanghi marini, (anziché della classica acqua minerale).
Il limo marino, infatti, è il protagonista assoluto di queste terme. Un tipo di fango che, nel corso degli anni, si è depositato all'interno della laguna del bacino di San Giovanni.
Lo stabilimento si avvale delle proprietà curative di questo fango proponendo trattamenti unici per il corpo e per il viso.

3) Passeggiare nella miniera di Capoliveri: ecco un' Elba inedita dal paesaggio lunare e deserto.
Dove? Sul promontorio Calamita. Qui vi è la possibilità di fare escursioni, accompagnati da guide competenti, immersi nella natura, nei colori dei minerali: il tutto avvolti dal mare.
Sono numerosi i sentieri percorribili, per tutte le età e livello di esperienza, che propongono un viaggio nella storia quando ancora erano in funzione le miniere.
Alcuni dei trekking guidati percorrono “La via della Vecchia Ferrovia”, “Il cammino dei minatori” oppure “L'anello di Calamita”. Imperdibili!


4) Fare un'escursione a cavallo: un'altra esperienza davvero suggestiva è scoprire l'Isola d'Elba a cavallo. Percorrere i sentieri del Monte Calamita oppure quelli che portano al Monte Perone. I percorsi non mancano così come i centri ippici che organizzano gite guidate per portarvi alla scoperta di luoghi inediti dell'Isola.
Immaginatevi in una giornata autunnale, con il sapore della terra un po' umida nel naso, il vento che vi scompiglia i capelli ed il vostro cavallo di fronte ad un panorama mozzafiato sul mare.

5) Scoprire il paesino di Poggio e ripagarsi una mangiata a base di pesto artigianale: uno dei ricordi più belli che ho dell'Elba è la gustosa mangiata che ho fatto nel piccolo paesino di Poggio, arroccato sulla vetta del Monte Capanne nel comune di Marciana. Un paesino di montagna, immerso tra i boschi di castagni, fatto di strette viuzze in granito che abbracciano in modo concentrico la piazzetta della Chiesa di San Niccolò.
Un tempo fortezza, Poggio è caratterizzato da numerosi elementi che richiamano lo scopo difensivo dell'epoca, come una torre, un bastione o la stessa porta di entrata. Dopo aver visitato il paesino, non perdetevi una tappa alla Trattoria Sciamadda di tradizione tipicamente ligure.
L'Elba, infatti, è bagnata anche dal Mar Ligure e non a caso qui cucinano uno dei pesti più buoni che abbia mai mangiato in vita mia! Ecco quindi uno spunto su dove mangiare all'Isola d'Elba.

Come raggiungere l'Isola d'Elba?
Il modo più semplice è sicuramente imbarcandosi su uno dei frequenti i traghetti per l'isola dell'Elba che partono ogni giorno dalle 5.00 di mattina alle 23.00 di notte. Sono più di 100 le corse quotidiane dal porto di Piombino, con un tempo di percorrenza che va dai 30 minuti all'ora e mezza a seconda del tipo di traghetto e della destinazione scelta: Portoferraio, Rio Marina e Porto Azzurro.

Che cosa ne pensate dell'Elba come meta fuori stagione? Vi sono piaciuti i miei consigli o ne aggiungereste altri? 
Se avete domande, come sempre, sono qui a disposizione, altrimenti ci vediamo sui miei social: FACEBOOKTWITTER INSTAGRAM

You Might Also Like

3 commenti

  1. Carlotta! Informazioni preziosissime! Sono stata all'Elba due volte e Rob ha una casetta lí, perciò quando ci torneremo voglio fare queste cose che hai detto tu che non conoscevo proprio! Grazie :) baciii!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Goditi l'Elba, è un'isola bellissima in ogni periodo dell'anno!:)
      P.S Tutti a casa di Robertooo!! :P

      Elimina
  2. Stupenda l'isola d'Elba fuori stagione, per altre informazioni potete visitare il sito web www.isoladelba.toscana.it, la guida turistica dell'Elba.

    RispondiElimina

Grazie della tua visita,

Se vuoi lascia un commento qui sotto:)